I nostri prodotti biologici

Vendita e commercializzazione dei nostri prodotti biologici

I nostri prodotti sono vestiti con un’etichetta che riporta il nome del prodotto e del produttore.
Nelle etichette dei prodotti biologici è presente anche un codice di controllo che garantisce il rispetto delle regole di Agricoltura Biologica.

01.

La storia dei prodotti

Formaggio ricotta e yogurt sono alimenti vivi e mutevoli come lo sono le stagioni, l’erba dei prati ed il lavoro del casaro. Il formaggio non può essere sempre uguale, sono proprio la variabilità di colore, profumo e gusto, a farne un prezioso messaggero del territorio che lo ha generato.

02.

I nostri animali

I nostri animali vivono in stalle luminose e spaziose e talvolta escono per prendere l’aria fresca o per sdraiarsi al sole. In estate i piccoli vengono portati in alta montagna assieme ad alcune vacche più vecchie che hanno smesso di fare il latte.
Mangino buon fieno in inverno, erba di prato in estate. Buona parte del loro cibo proviene da campi di proprietà dell’allevatore, nei quali non vengono sparsi concimi chimici, insetticidi e diserbanti. Vengono curati, quando è necessario, con metodi naturali ed omeopatici, che li rendono più robusti e resistenti alle malattie e non alterano le qualità del latte.

03.

Il latte

Il latte non è tutto uguale. Sapore, colore e odore dipendono da quello che mangiano e dove vivono le mucche o le capre che l’hanno prodotto. Bianco e grasso in inverno; più leggero e tendente al giallo d’estate, quando mangiano erba fresca.
Naturalmente anche il sapore è diverso a seconda di quello che mangiano. Un fieno di montagna, dove ci sono molte erbe diverse, porta nel latte una quantità di odori e sapori che lo rendono unico ed inimitabile.

04.

La mungitura

È l’unico alimento della loro infanzia e lo ricevono direttamente dalle mammelle della mamma. Quello che resta viene preso dall’allevatore per mezzo della mungitura.

05.

Il caseificio e il casaro

Il caseificio è il luogo dove il latte diventa formaggio, ricotta o yogurt.
Qui il casaro prende il latte, lo controlla, lo riscalda e aggiunge fermenti lattici e caglio. In circa 30 minuti il latte si addensa fino a sembrare una gelatina, la cagliata, che viene tagliata i pezzi tutti uguali senza frantumi. La cagliata viene versata dentro stampi di plastica nei quali prende forma. Dopo qualche ora il formaggio è pronto per essere messo in bagno a salamoia.
I formaggi duri vengono unti, girati e spazzolati nei magazzini di stagionatura per diversi mesi, quelli freschi sono già pronti per la vendita.

06.

I formaggi e gli yogurt

Ogni formaggio ha una sua personalità che si adatta alle preferenze di chi lo sceglie. Ci sono quelli freschi come mozzarella, robiola e stracchino che sono buoni anche appena prodotti, quelli che si mangiano dopo qualche giorno come le caciotte e le scamorze bianche o affumicate e ci sono formaggi che vengono fatti stagionare per mesi prima di essere venduti.
Produciamo poi lo yogurt, bianco e alla frutta. È prodotto con latte non omogeneizzato ed è ricchissimo di fermenti lattici lasciati crescere per 17 ore filate prima di essere messo nei vasetti.